Edizione Speciale * Santa Lucia 2020 *

 

a cura di Anna Maria Matilde Filippozzi

 

La notte magica  di S. Lucia

Santa Lussia

Cos’elo ‘sto fredo?
Par d’esser en Russia.
Scoltelo, el ve dise:
“Gh’è qua Santa Lussia”.
Gh’è i fossi ‘ngiasadi,
gh’è el vento che tira,
en strada se sbrissia,
ma ela la gira.
L’è inutile cari,
nessuno la vede
parchè l’è ‘na santa,
ma ci no ghe crede?
La gira de note
che tuti i è en leto,
portandose ‘nsieme
castaldo e musseto.
La va par le case
la infila i camini,
gh’è i mostri che dorme
gh’è tuto che tase.
Stè chieti, putini,
dormì, ma dal bon,
che a verser i oci
la buta el sabion.
Gh’è proprio un parecio
là insima ‘na tola.
“Qua, deme castaldo,
un cuco che sïola,
‘na spada, un puoto,
‘na tromba, un tamburo,
‘na bala de goma
che sbalsa sul muro,
un s-ciopo a do cane,
un treno de lusso.
Ve par che sia poco?
Slongheme quel musso!
Po’ ancora qualcosa
da trar nel palato:
do conse, ‘na steca
de bon mandorlato,
e pomi e naransi,
che comoda i denti,
mi sa ‘ste putini
voi farli contenti”
Così Santa Lussia
la parla al castaldo,
po’ i bei puteleti
che dorme nel caldo,
pianin, sensa s-ciochi
en fronte la basa
e via de volada
la cambia de casa.

Gentilmente inviata da Emma di Peschiera del Garda (VR)

Buona festa di S. Lucia a tutti i bimbi !

 

↓