RICORRENZA: “50 anni di umanità”

…a cura di Maria Rosanna Mucciolo

“50 anni di umanità”

Nel mese di ottobre 2021 sono stati festeggiati i 50 anni di Medici senza Frontiere, una grande organizzazione umanitaria che opera a livello mondiale.
L’idea di un’organizzazione umanitaria a livello internazionale non governativa risale al 1968, quando un gruppo di medici francesi al rientro dalla Nigeria, dove avevano avuto un’esperienza bella ma difficile, decisero di crearne una con personale specializzato.
L’idea si concretizza nel 1971… 2021, 50 anni.
Medici Senza Frontiere nasce con il nome Médecins sans Frontières per volontà di alcuni medici, che avevano aiutato le popolazioni del Bangla Desch e del Biafra (Africa).
Si trattava di circa 300 volontari e il loro intento era quello di inaugurare una nuova emergenza, capace di unire “immediatezza e professionalità”, così da molti anni salvano vite umane e portano cure mediche in 88 Paesi.
L’obiettivo principale dell’organizzazione è quello di aiutare le persone malnutrite e sottonutrite, aiutare le comunità che vivono in situazioni di estrema povertà e di estrema emergenza, intervenendo quando ci sono epidemie, conflitti e disastri naturali.
Medici senza Frontiere, come organizzazione medico-umanitaria, nel 1999 è stata insignita del Premio Nobel per la pace, i principi a cui si ispira sono quelli che rimandano alla neutrale indipendenza e imparziale etica medica, portando così la loro esperienza e assistenza a tutti coloro che ne hanno di bisogno.
Come organizzazione si diffonde anche in Italia e la loro presenza risale al 1999.
Anche Verona vanta una sua sede e martedì 19 ottobre 2021 sono stati festeggiati i 50 anni di Medici senza Frontiere, presso la Biblioteca Civica, con la presentazione del libro ”Le ferite del corpo e dell’anima ci raccontano”.
L’associazione di Verona nasce nel 2003 e svolge un’importante attività di informazione e sensibilizzazione su tematiche umanitarie, coinvolgendo numerose scuole attraverso conferenze e mostre.
Il coordinatore del gruppo è Giovanni Di Cera, persona di grande cuore che cura gli impegni dell’organizzazione con passione e dedizione, svolgendo un lavoro molto impegnativo.
In questo modo, i principi umanitari di Medici senza Frontiere, si stanno diffondendo molto anche fra i giovani della città scaligera e dintorni, dove arriva il messaggio didattico ed educativo, utilizzabile da tutti quei docenti che vogliono lavorare su tematiche di enorme importanza come le emigrazioni.
Si tratta di avvenimenti storici che riguardano l’umanità fin dai tempi più antichi, ma purtroppo ancora attuali, infatti il concetto di emigrazione è cambiato nel corso dei secoli: i migranti non sono invasori, ma persone in fuga, da accogliere ed aiutare.

Maria Rosanna Mucciolo

***

NOTA: Dal momento che il 2021 lo abbiamo dedicato esclusivamente a ricorrenze sulla figura del Sommo Poeta, Dante, in queste prime due puntate del 2022 (gennaio e febbraio), non abbiamo voluto dimenticare due scadenze interessanti su Verona, anch’esse scadute nel 2021.

↓