…si dice: “Fare un errore… – 120

…a cura di Graziano M. Cobelli

 

libri

…si dice: “Fare un errore sesquipedale”.

“Fare un errore sesquipedale” è un’espressione che indica uno sbaglio grossolano, uno svarione gigantesco, ai limiti del ridicolo.
L’aggettivo “sesquipedale” si riferisce all’unità di misura di lunghezza in uso presso gli antichi romani (sesquipedalis, misura di un piede e mezzo, ossia circa 45 cm).
Già presso i latini il termine era usato in modo ironico col valore di “esageratamente grande, smisurato” poiché così erano chiamati i mattoni di questa misura, i più grossi e pesanti.
Il poeta Orazio (65 – 8 a.C.) definisce in una sua opera “sesquipedalia verba” i paroloni enfatici e ampollosi usati da certi oratori e, per estensione, i discorsi eccessivamente prolissi.

Tratto da: Rivista TeleSette.

↓