“De i morti e de i santi… – 299

a cura di Graziano M. Cobelli

libri

Separatore

De i morti e de i santi (primi de Novenbre), na scarpà ‘n te ‘l culo a i oselanti.
Ai morti e ai santi (primi di Novembre), un calcio nel sedere agli uccellatori (non ci sono più uccelli di passaggio).

***

Basse ciàre e montagna scura, metete in viagio e no’ stà ‘èrghe paura.
Pianura chiara e montagna scura, mettiti in viaggio e non aver paura.

***

Ci gà tera, gà guera: ci gà case, gà pace.
Chi ha terreni, ha guerra; chi ha case, ha pace.

Separatore

↓