“Dicenbre, davanti te… – 261

…a cura di Graziano M. Cobelli

libri

 

Separatore

Dicenbre, davanti te scàlda e de drìo te ofende.
Dicembre, davanti ti riscalda e dietro ti fa ammalare.

***

Caldo e fredo, no’ i-à mai magnà gnissuni.
Caldo e freddo, non hanno mai mangiato nessuno.

***

Done bele e vin bon, i-è i primi a passarte da cojon.
Donne belle e vino buono, sono i primi a fregarti.

Separatore

↓