…si dice: “Camera ardente… – 242

…a cura di Graziano M. Cobelli

libri

…si dice: “Camera ardente”.

Viene definito «camera ardente» un locale pubblico o privato, appositamente addobbato, dove viene esposta la salma di un defunto per consentirne la visita prima della sua sepoltura.
L’aggettivo «ardente» deriva da un’usanza molto antica: collocare fiaccole accese nel locale per consentirne la continua illuminazione.
Una curiosità: camera ardente fu chiamato anche uno speciale tribunale francese investito di poteri straordinari per giudicare reati eccezionali, come accadde nel 1535 con gli eretici ugonotti.
Ciò perché anche l’aula di quel tribunale era illuminata con fiaccole giorno e notte.

Tratto da: Rivista TeleSette.

↓