“O vin, vinélo… – Detti e Proverbi – 39

a cura di Graziano M. Cobelli

libri

sep
 O vin, vinélo, ieri sera l’è sta to fradèlo che m’à fato pèrdar el çervelo e così,
par condàna, zo ancora par ‘sta cana.
O vino, vinello, ieri sera è stato tuo fratello che m’ha fatto perdere il cervello e così, per condanna, giù ancora per questa canna (gargarozzo).
***
Vin vècio e dona zoéna.
Vino vecchio e donna giovane.***

Polenta al molìn, vin sui so bàdari, spine par le sese e dona del to paese.
Polenta al mulino, vino della propria cantina, spine di siepe e moglie del tuo paese.

***

Né par vache, né par done, no’ sta passàr le do colòne.
Non cercare vacche e donne oltre le due colonne (tra San Bortolo e Bolca).

***

No’ sta’ impassàrte de sorèle de preti e fióle de osti.
Evita di avere rapporti con sorelle di preti e figlie di osti.

sep

↓