“De Magio le sirese de… – 151

…a cura di Graziano M. Cobelli

libri

Separatore

De Magio le sirese de assagio, de giugno sirese a pugno.
A Maggio le ciliege, appena si assaggiano, a giugno si mangiano a mani piene.

***

Ci gà le réce longhe, da zoino l’è stà castigà.
Chi ha le orecchie lunghe è perché da giovane è stato castigato.

***

Roba robà, come le vegne la và.
Le cose rubate, tanto facilmente prese, nella stessa maniera si sprecano.

***

Sanità e cul che càga, no gh’è oro che le pàga.
Sanità e intestino a posto, non c’è oro che li paga.

***

A morir, se fa senpre ‘n tenpo.
A morire, c’è sempre tempo.

Separatore

↓