“Majo suto, se tàja… – 147

…a cura di Graziano M. Cobelli

libri

Separatore

Majo suto, se tàja dapartuto.
Maggio asciutto, raccolto abbondante.

***

Coando el musso scólta, stà ‘tento che ‘l tenpo se òlta.
Quando l’asino ubbidisce, stai attento che potrebbe cambiare il tempo.

***

El vento, disturba ogni tenpo.
Il vento, seppur utile, è sempre una seccatura.

***

Ci gà na vacheta, gà na botegheta.
Chi ha una mucca, ha un piccolo negozio.

***

Ci nasse sfortunà, ghe piove su ‘l cul stando sentà.
Chi nasce sfortunato, gli piove sul sedere seppur seduto.

Separatore

↓