Contorni / Carciofi trifolati

…a cura di Anna Maria Matilde Filippozzi 

Carciofi trifolati

I carciofi trifolati sono chiamati in questo modo sia per il condimento che viene utilizzato per la cottura ma anche per il modo in cui vengono tagliati. La preparazione dei carciofi trifolati è molto semplice ed inoltre, possono essere serviti come antipasto o come contorno. La stessa ricetta di base dei carciofi trifolati viene utilizzata per preparare altre specialità: dai soufflè al condimento della pasta. I carciofi sono ricchi di proprietà benefiche per l’organismo dell’uomo e rientrano tra quegli alimenti preziosi che aiutano molte funzioni del nostro corpo.

 Ingredienti :

  • 500 gr di carciofi
  • il succo di un limone
  • 2-3 cucchiai d’olio extravergine d’oliva
  • 1 spicchio d’aglio
  • 1 mestolo di brodo
  • 1 ciuffo di prezzemolo
  • sale e pepe quanto basta.

  Preparazione:

Per cominciare, pulite i carciofi come di consueto eliminando le foglie esterne “quelle più dure”, poi tagliate parte del gambo togliendo con un coltellino da quella rimanente una parte delle corteccia dura. Adesso con un coltello togliete la parte della punta. Dividete i carciofi in due parti, poi con uno scavino eliminate il fieno all’interno.  Procedete col dividere i mezzi carciofi in parti più piccole. Mettete il tutto in una ciotola piena d’acqua  con il succo di limone.

Scolateli  fino a fargli perdere tutta l’acqua. Intanto riscaldate in padella l’olio ed aggiungete lo spicchio d’aglio per farlo imbiondire. Appena lo spicchio d’aglio ha assunto un colore dorato, aggiungete i carciofi e fateli saltare a fuoco vivo per circa 5 minuti. Regolate di sale e pepe, aggiungete un mestolino di brodo vegetale  e coprite con un coperchio abbassando la fiamma al minimo.

Tempo di cottura:

Calcolate 15 minuti per la cottura. Durante il tempo di cottura, rigirate i carciofi per un paio di volte, dopo averla completata, aggiungete un bel ciuffo di prezzemolo tritato finemente.

I carciofi trifolati possono essere serviti sia caldi che freddi.

  

 

↓